tab
Sapzio Soci_lan
twitter_lan
 
titolo

News

 
31/08/2022
Cresce il plogging: il nuovo sport che unisce allenamento e raccolta dei rifiuti
Un nuovo modo per creare spirito di appartenenza alle comunità.

È nato in Svezia ma si è diffuso anche da noi dove le temperature miti ne facilitano la pratica. Si chiama plogging ed è una rivisitazione in chiave ancora più sostenibile delle camminate sportive all’aperto. 

A differenza del normale jogging, infatti, il plogging, dallo svedese “plocka upp” che vuol dire raccogliere, è una camminata che unisce i benefici dell’allenamento fisico ai benefici per l’ambiente perché prevede di raccogliere i rifiuti che si incontrano sul proprio cammino mentre su fa attività sportiva. 

Nessun orientamento alla performance, ma un genuino amore per l’ambiente e per lo sport all’aria aperta. 

Lo sport che unisce le comunità

Al di là della novità del nome, il plogging è una pratica che può contribuire a creare spirito di condivisione e di appartenenza alla comunità con ottime ricadute sulla cura del bene comune e dell’ambiente. 
 
Sulla scia della Svezia, in diverse parti del mondo sono nati spontaneamente gruppi di persone che si incontrano per camminare e raccogliere rifiuti dalle strade o da altri ambienti con l’aiuto di sacchi e guanti. Sono diverse anche le associazioni che ne promuovono l’attività sul territorio. 

Iniziative più strutturate sono nate a Bolzano, Bologna, Firenze e Bari. In queste ultime tre città sono state organizzate anche le StraPlogging, percorsi che hanno unito corsa e recupero rifiuti.   

Sulle alpi torinesi della Val Pellice si è addirittura svolta la prima edizione dei Campionati del Mondo di Plogging!   
Il plogging, insomma, può essere una buona abitudine da coltivare e diffondere con impatti positivi per tutti.