tab
Sapzio Soci_lan
twitter_lan
 
titolo

News

 
02/02/2022
PNRR: valorizzazione dei beni confiscati alle mafie, prorogata la scadenza
È stata prorogato alle ore 12:00 del 28 febbraio il termine per la presentazione di progetti per la valorizzazione dei beni confiscati alle mafie a valere sul PNRR.

Dal PNRR arrivano 250 milioni di euro per la riqualificazione di beni confiscati alle mafie, grazie all’avviso del 23 novembre scorso pubblicato dall’Agenzia per la Coesione Territoriale. 

I 250 milioni di euro provengono, in particolare, dall’Investimento 2 “Valorizzazione dei beni confiscati alle mafie” che è incluso nella Componente 3 (“Interventi speciali per la coesione territoriale”) della Missione 5, denominata “Inclusione e coesione”. 

Tali risorse sono riservate ai progetti che verranno selezionati dal bando, mentre ulteriori 50 milioni di euro saranno stanziati per progetti che per la loro natura richiedono l’intervento di diversi soggetti con specifiche competenze istituzionali.

In totale, dunque, la Missione 5 mette sul piatto uno stanziamento di oltre 300 milioni di euro per la realizzazione di 200 progetti nelle otto regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia). 

Come pubblicato dal sito dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, la nuova scadenza per la presentazione dei progetti che riguardano la valorizzazione dei beni confiscati alle mafie a valere sul PNRR è fissata al 28 febbraio (ore 12:00). 

Qui il link dell'avviso

I soggetti proponenti

I progetti potranno essere presentati da tutti gli Enti territoriali, localizzati nelle regioni del Mezzogiorno, destinatari del bene confiscato indicato nella proposta progettuale. Gli Enti proponenti dovranno dimostrare l'avvenuta iscrizione del bene stesso nel proprio patrimonio indisponibile. 

I progetti ammissibili

A titolo esemplificativo, i progetti ammissibili dovranno perseguire le seguenti finalità: 

  • creazione di strutture, residenze sociali/sanitarie, centri diurni, coabitazione sociale a sostegno dell'alloggio/inclusione sociale delle persone che vivono in condizioni di esclusione; 
  • riqualificazione di spazi pubblici volta a migliorare i servizi sociali per i cittadini; 
  • creazione di spazi di incontro socioculturale per i giovani gestiti da associazioni di volontariato;
  • utilizzo di beni per fini istituzionali, compresa polizia locale, protezione civile ecc... 

Le tempistiche 

Le procedure di affidamento devono concludersi il 30 giugno 2023, mentre i lavori, pena la revoca del finanziamento, devono essere conclusi entro:

  • il 30 giugno 2025, nel caso in cui il progetto abbia un costo complessivo a valere sull’Avviso pari o inferiore a 600 mila euro;
  • il 30 giugno 2026, nel caso in cui il progetto abbia un costo complessivo a valere sull’Avviso superiore a 600 mila euro.

Il Terzo settore 

Con nota del 20 dicembre scorso, l’Agenzia per la Coesione Territoriale ha riservato agli Enti del terzo settore (Ets) e alle Associazioni (ex art. 48, comma 3, lettera c del Codice Antimafia) un ruolo fondamentale nel processo in considerazione della rilevanza che questi soggetti «ricoprono nella fase gestionale dei beni in questione».

In particolare, con la nota viene precisato che gli Enti proponenti potranno presentare proposte che coinvolgano, sin da questa fase, Enti del Terzo settore e le Associazioni (ex art. 48, comma 3, lettera c del Codice Antimafia) e che tali proposte riceveranno un punteggio specifico se confermato dalla necessaria documentazione a supporto.

Il Terzo settore non poteva rimanere fuori.